ecoprint · Senza categoria

Il mare di Anzio

E97BB275-12C1-4B99-8F0A-FC131D288C33

Spesso gli incontri capitano per caso. Forse non è così e c’è qualcuno che muove i fili delle nostre vite facendoci incontrare persone speciali in un momento particolare. Ti capita mai di conoscere una persona e sentirti in sintonia con lei? Ecco, non può essere per “caso”. Mi piace pensare che ci sia un destino.

Come che sia, ho conosciuto una amica di un’amica. Abbiamo un po’ chiacchierato e mi ha chiesto dei miei lavori di cucito. Chiacchiere leggere, piacevolissime, con una persona con cui d’istinto mi sono sentita in armonia. Parlando, abbiamo intravisto la possibilità di una collaborazione fra di noi e, per discuterne con calma, abbiamo concordato di rivederci. Lei ha un Bed&Breakfast e mi ha invitato a vederci lì.

Sarà stata l’aria di mare in una calda giornata d’estate ma, arrivando al Buba B&B, mi sono beata di bellezza.

Il B&B è ciò che promette di essere e anche di più: è un luogo di ospitalità, nel vero senso della parola. Un luogo in cui, volutamente, gli ospiti hanno libero accesso alla biblioteca dei proprietari, possono godersi la vista sul mare da uno dei terrazzi o dal giardino e respirare un po’ di brezza immersi nella pace del circondario.

Chi arriva, approda in un tempo e in uno spazio ricco di storia. La storia del luogo, Anzio, che si intreccia, e fa da sfondo, alla storia dei proprietari. Ogni dettaglio della casa racconta e accoglie. Il giardino fiorito, curato con tanto amore, sembra proprio che stia aspettando te e quando ti siedi a guardare il panorama ti senti in pace con il mondo. Non sono un’avida lettrice ma, gironzolando per la casa, mi è venuta voglia di prendere un libro dalla biblioteca e leggerlo sul divano che mi sembrava mi guardasse in modo invitante. Ogni stanza ha un’identità, definita ma non invadente, che ti fa assaporare il piacere del rientro “a casa” dopo una lunga giornata in giro o in spiaggia.

Il mare è a due passi e, sì, c’è anche la piscina ma vuoi sapere cosa mi ha colpito di più? La torta che era stata preparata per il mio arrivo. Un dettaglio, un piccolo gesto rivelatore della cura e della accoglienza che riceve ogni ospite al Buba B&B. È la stessa cura che metto nelle mie creazioni e per me ha molto valore; mi dona benessere  e mi fa sentire protagonista e partecipe, in un luogo denso di storia e di storie.

Sono tornata a casa con una voglia di mare e di vacanze che non riesco neanche a descrivere! E tu hai tirato fuori costume e ciabattine?

Senza categoria

Vita moderna

bowl hotpad

Oggi ti racconto di come un piccolo oggetto possa essere un grande aiuto nella routine quotidiana.

Hai mai sentito parlare di presina da microonde? E’ una presina di forma concava che può essere messa, insieme al piatto, direttamente nel forno a microonde. A cosa serve? A non farti scottare nel tirare fuori dal forno la tua pietanza riscaldata.

Troppe volte ho fatto cadere il pranzo perché mi sono ritrovata fra le mani un piatto inaspettatamente incandescente. Certo, potrei prestare maggiore attenzione ma lo sai anche tu che, nella vita multitasking di una donna moderna, l’attenzione a volte è dedicata ad altro. Dopo alcuni pranzi finiti in terra (ovvio, me lo riscaldo perché non ho tempo di preparare, lo faccio cadere e… niente, esco e compro un pezzo di pizza) ho scoperto in rete un blog in cui si parlava di questo oggetto a me sconosciuto e mi sono resa conto che non era per tutte così ignoto! Ho creato la prima presina per mera utilità personale e, come spesso accade con le mie creazioni, ne ho cucite altre per le richieste delle amiche.

So già cosa ti starai chiedendo…. mi sono fatta le stesse domande: ma non si brucia? L’importante è che sia tutto cotone e non ci siano fibre sintetiche. La forma particolare consente di posizionarci dentro un piatto fondo, una ciotola, una tazza e molto altro. A volte d’estate la uso anche per tenere la coppetta di gelato senza ibernarmi la mano 🙂

Realizzarne una è davvero molto semplice se hai un minimo di tecnica di cucito o di manualità. So che la soddisfazione di realizzare qualcosa è grandissima, soprattutto se poi la usi tutti i giorni o quasi. Proprio per questo ho realizzato un tutorial per spiegarti passo passo, foto per foto, come realizzare la tua. Ho creato il tutorial sia in italiano che in inglese ed è uno degli articoli più venduti del mio negozio Etsy. Le recensioni lasciate da chi lo ha acquistato sono la soddisfazione più grande. Vuoi cucire anche tu la tua?

Non hai tempo o non sei in grado di farlo? Puoi trovare le presine già fatte nel mio negozio Etsy. Vedrai che anche tu non potrai più farne a meno!

 

 

creatività · Senza categoria

Gioielli in vetro Tiffany

vetro-Tiffany

Voglio raccontarti di una piccola gioia di questi ultimi giorni.

Mi sono regalata un gioiello: un ciondolo in vetro Tiffany. Cosa ha di speciale? E’ molto più di un ciondolo.

Ho visto questa collana nella vetrina virtuale di un negozio su Etsy. Certo mi piaceva ma di gioielli è pieno il mondo… perché proprio questo? Cos’è che fa la differenza quando scelgo di acquistare?
Diciamo la verità: il 95% dei nostri acquisti non sono strettamente necessari. Sono cose di cui potremmo fare a meno ma scegliamo di non privarcene. Personalmente, mi piace spendere per qualcosa che non sia solo ciò che promette di essere ma racconti una storia. Amo l’acquisto consapevole. Amo sapere cosa c’è dietro ad ogni oggetto del desiderio e questo spesso fa la differenza fra l’acquisto e il passare oltre senza comprare.

Questa collana è stata realizzata da una creativa che è anche una bravissima artigiana ma non solo questo. Ho avuto modo di conoscerla ed ho incontrato una bella persona. Solare, colorata e splendente come i gioielli che crea. Si tratta di gioielli realizzati con la tecnica del vetro Tiffany. Ai miei occhi è una tecnica così artisticamente complessa che non saprei neanche spiegarla; lei, invece, ne tira fuori gioielli speciali che aspettano di essere scelti dalla persona giusta. A volte sono molto originali ed io non sono in grado di osare così tanto 🙂 Di recente ho visto questo ciondolo che mi “assomiglia”: semplice e lineare ma, allo stesso tempo, originale. Me ne sono innamorata! Carta di credito alla mano, click, sei mio! “Ora devo solo aspettare di riceverlo” ho pensato… e con il pacchetto è arrivata un’altra sorpresa: una confezione molto curata, con un bel sigillo in cera-lacca. Ecco, nel pacchetto c’era molto di più di una collana: c’era la cura e l’abilità di una donna che sa rendere unico, nella sua semplicità, anche un piccolo gioiello; c’era l’arte di una creativa che ama sperimentare e osare; c’era l’intraprendenza di una artigiana in grado di farmi risplendere con un dettaglio in vetro Tiffany…

Che altro dire?!?! Grazie Conny!

Sei curiosa di visitare il suo negozio? Lo trovi su Conny’s Kreations oppure puoi leggere il suo blog Conny’s Kreations blog e se hai domande contattala, sono sicura che sarà felice di risponderti.

 

Senza categoria

Cosa fa una Business Coach?

giochidipanno-blog

Da qualche mese sono entrata in contatto con una Rete di imprenditrici. Una bella realtà, uno spazio in cui confrontarci, sostenerci e darci opinioni e suggerimenti. Ma non è di questo che voglio raccontarti: tu sai già qual è il super-potere delle donne che si sostengono e collaborano.

Ad una delle riunioni ho conosciuto una “Business Coach”. Ah, interessante… “E cosa fai esattamente?” è stata la mia domanda a cui Simona, così si chiama, ha risposto così bene da convincermi ad intraprendere un percorso con lei.

Lei è un po’ il mio specchio. Non mi dà suggerimenti ma mi aiuta a sbrogliare la matassa di pensieri che già sono dentro di me. Ogni volta, dopo il nostro incontro, penso “Ma certo! Come ho fatto a non pensarci prima?!” Fin qui, ci siamo viste un paio di volte ed io già ho ripreso in mano il mio blog, scritto da capo la presentazione del mio negozio Etsy, aggiunto nuovi prodotti alla vetrina del negozio; insomma lei è la spinta per stilare delle priorità e concretizzarle.

Lei è il mio punto d’incontro con la realtà. Mi riporta con i piedi per terra ogni volta che faccio voli pindarici su prodotti che mai vedranno la luce oppure che comprerei solo io e non interessano a nessuno.

Ti confesso anche che non sono un “caso” facile: ho alle spalle quasi due decenni da lavoratrice dipendente. Il destino mi ha offerto la chance di cambiare la mia vita lavorativa ed io ho voluto coglierla. Ecco, sì, queste sono belle parole e sono sicura che anche tu ti riconosci nei miei sogni ma… sogni, appunto. E non solo di questi si vive. Simona mi aiuta a capire da dove cominciare a metterli in pratica e far sì che diventino il mio futuro. Mi spinge e mi accompagna alla ricerca delle risposte che già conosco ma che magari non ho ancora messo a fuoco. Per lavorare in proprio non bastano le idee: bisogna anche occuparsi di una infinità di attività correlate che, senza una guida, possono farci perdere la bussola. Io ho scelto di essere un’artigiana 2.0 e di intraprendere un percorso di coaching per far sì che la mia attività non sia solo il mio lavoro ma anche un raggio di sole nelle mie giornate e in quelle delle mie clienti.

Sei curiosa di sapere fin dove mi porterà il percorso con la mia business coach? Continua a seguirmi o lasciami un commento.

 

Senza categoria

Storia di una borsetta

tote trebleclef.JPEG

Ho sempre amato cucire. Insieme alla musica, è da sempre la mia grande passione anche se fino a poco tempo fa mi accontentavo di farlo nei ritagli di tempo.
Ancora quindicenne, ho cucito due costumi per me e mia sorella. Non erano perfetti ma quell’estate ne eravamo orgogliosissime!

.
Oggi vorrei farlo diventare il mio futuro e intanto continuo a cucire per le persone a cui voglio bene. I miei nipoti, figli di mia sorella, sono fra i destinatari preferiti ❤

.
Questa borsetta è stata realizzata per la figlia grande. È davvero un lavoro a quattro mani: il ricamo è opera di mia sorella ed io poi ho cucito la borsetta attaccando il pannello ricamato. Così ora mia nipote può andare felice incontro alle sue lezioni di musica, forte del messaggio di complicità e armonia fra sorelle racchiuso nella sua borsetta. Buona musica, amoredizia!

Senza categoria

Pioggia di fiori

 

DSCN4376.jpg

Qualche anno fa, ho fatto qualche esperimento con il feltro. Ho partecipato a qualche lezione e poi ho cominciato a creare.

Le possibilità sono infinite ma, alla fine, cucire mi piace di più e tutte le mie lane sono rimaste nell’armadio. Pochi giorni fa un’amica mi ha chiesto un consiglio su come recuperare una giacca che le piaceva tanto ma che si era bruciata con il fuoco di una candela.

Ho pensato subito che potevamo fare come i Giapponesi che, riparando, cercano di creare qualcosa di ancora più bello. Si chiama Kintsugi ed è una tecnica che, mentre ripara, valorizza la crepa senza volerla mimetizzare. Sembra che nasca dalla filosofia di trasformare in qualcosa di ancora più bello una frattura o un’imperfezione, aggiungendo valore. Ecco, è una bella metafora di vita e volevo metterla in pratica a cominciare da una giacca.

Ho realizzato dei “fogli” in feltro di vari colori, recuperando tutte le mie lane dall’armadio, e poi ho tagliato tanti fiori con una fustellatrice semi-professionale. Il risultato? La giacca è diventata ancora più bella!

 

 

Senza categoria

Chi sono

Dopo averci girato intorno a lungo, ho scelto di creare uno spazio di condivisione con questo blog. Un angolo creativo in cui raccontare delle storie.

Iniziamo da chi sono: sono una creativa, nel vero senso del termine ossia ho sempre amato creare e manipolare. Tagliare e cucire sono attività venute dopo, intorno ai quindici anni. Per dirla tutta, entrambe le mie nonne erano nell’ambiente: una delle due era un’abilissima sarta e l’altra una piccola imprenditrice che, con il marito, aveva messo su un’attività di tutto rispetto. Ero piccola ma ricordo questo mondo un po’ magico, fatto di stoffe, fili e colori. Non posso nascondere di esserne stata influenzata.

Nelle varie fasi della mia vita, mi sono dedicata ad attività creative diverse, alcune passeggere ed altre no. La musica mi accompagna dai miei sedici anni.

Ciascuno di noi ha una dote speciale; anche tu! Capirla e darle spazio rende la vita più piacevole. Non trovi?