creatività · ecoprint

Primavera alla Landriana

ecoprint-sciarpe

 

Ci siamo! Nei giorni 20-21-22 aprile la produzione di sciarpe realizzate con la tecnica dell’ecoprint sarà in esposizione nei Giardini della Landriana, per la consueta mostra-mercato orto-floro-vivaistica di “Primavera alla Landriana”. E’ un appuntamento imperdibile per tutti gli esperti del settore o anche semplici appassionati e quest’anno c’è un motivo in più per godersi una bella giornata all’aria aperta: vieni a trovarmi e a toccare con mano l’impalpabile seta della collezione estiva. Rimarrai sorpresa/o dalle meraviglie della natura!

 

Ti aspetto nei giorni 20-21-22 aprile 2018, dalle 10 alle 19
Via Campo di Carne, 51
00040 Tor San Lorenzo – Ardea (Rm)

Primavera alla Landriana

amiche · creatività

Ecoprint

ecoprint.jpg

Oggi ti voglio raccontare dell’ecoprint ossia di come la natura ci regali forme e colori che possono essere fissati, come in una fotografia, sui tessuti naturali.

Alla fiera della creatività mi sono lasciata tentare da un workshop su questa tecnica che mi aveva sempre affascinato ma non avevo mai sperimentato anche se, in passato, mi ero già avvicinata alle erbe tintorie.

Alla fiera ho incontrato Carla e Cecilia di Feltro Creativo (su Facebook “Il colore delle foglie” ) con le quali anni prima avevo fatto dei workshop sull’infeltrimento ad acqua e, fatalità, stavano per iniziare una sessione sull’ecoprint. Quale occasione migliore?! Detto, fatto! Subito all’opera.

Con un rettangolo di seta, ho sperimentato. Ho usato praticamente tutti i materiali a nostra disposizione per vedere i risultati di ognuno: Prunus, eucalipto, cipolla rossa, cipolla bianca, casuarina (ma dove la trovo a Roma?), ippocastano, noce e così via… Il risultato? Sorprendente!

Il processo di tintura è un po’ metafora di vita: puoi disporre gli elementi nel modo che preferisci, cercando di farne qualcosa di bello e potendo solo immaginare cosa ne verrà  fuori ma c’è una dose di imponderabile. Bisogna poi avere la pazienza di aspettare il tempo di bollitura per la cessione delle sostanza tintorie, senza poter guardare cosa sta succedendo. Solo alla fine, con la curiosità di un bambino che scarta i regali di Natale, aprire il tuo tessuto e vedere se le cose sono andate come speravi. Potrebbero essere andate diversamente e, la natura sa stupirci, anche molto meglio di quanto pianificato!

Sì, l’ecoprint è anche questo: accettare i doni della natura e scoprire che a volte sono più belli di quelli desiderati ma, qualora non dovessero piacerti, puoi sempre rimettere in gioco il tuo tessuto e tingerlo di nuovo. Grazie Carla e Cecilia per avermi fatto scoprire questo mondo affascinante.

E tu hai mai provato l’ecoprint?

 

amiche · creatività

Abilmente

Ali.jpg

Ebbene sì, l’ho fatto…. Ho passato la giornata ad Abilmente, la fiera della creatività. Complice di questa ennesima avventura la mia amica Anna Maria. Una giornata densa, fatta di stoffe, colori, ali, amicizia, complicità e… eco-print! Ecco, questa è stata la nuova frontiera di oggi.

Sono sempre stata affascinata dall’eco-print, la tintura su tessuti naturali con le piante tintorie. In fiera, ci siamo lasciate sedurre dalla possibilità di fare un corso per realizzare una sciarpa in seta con questa tecnica e, ovviamente, non ce la siamo fatta scappare!

Manipolare materiali naturali è una delle esperienze sensoriali più belle. La natura ci regala forme e colori stupendi. La nostra arte sta nel combinarli insieme, con possibilità infinite… e qui viene il bello 🙂

Presto ti racconterò un po’ di più su quanto mi è piaciuta questa tecnica. Per ora ti posso dire che io e la mia sciarpa siamo tornate a casa soddisfattissime ❤